Villarreal-Betis 5-1: A gonfie vele!

Ormai svaniti i fantasmi dello scorso campionato

Cazorla Betis

Il Villarreal ha superato il Betis con una goleada che non rispecchia l’equilibrio visto in campo. Nonostante una buonissima prestazione il Sottomarino giallo ha chiuso con un possesso palla nettamente inferiore (43-57%), e ha sbloccato la gara a venti minuti dal termine solo grazie a un rigore decretato con l’ausilio del VAR. Il Betis ha dimostrato di essere una squadra difficile ma con gravi problemi difensivi, non a caso era la seconda peggior difesa già prima dell’anticipo contro il Villarreal.

A livello tattico Calleja ha cambiato tantissimo nel corso della gara. È partito con un 4-2-3-1 in cui ha confermato gli undici più in forma del momento, ma invertendo alcune posizioni: Gerard Moreno ala destra e Toko Ekambi boa. È stato proprio il camerunense a sbloccare l’incontro con un colpo di testa dal corner del solito Cazorla. Primo gol stagionale per lui, che lo scorso anno è stato il capo-cannoniere della squadra.

Nella ripresa Calleja ha cambiato assetto. Sul lato destro con Gerard Moreno poco dedito a ripiegare, Rubén Peña ha sofferto tantissimo contro i raddoppi di Pedraza e Álex Moreno. Per evitare di sbandare su quella fascia il tecnico del Villarreal è passato a un 4-4-2 avanzando Gerard Moreno e spostando Moi Gómez su quel lato, in grado di proteggere meglio Rubén Peña. Ma dopo pochissimi minuti Emerson Royal ha trovato il gol (dall’altro lato) anche grazie a una deviazione di Pau Torres. E comunque solo uno strepitoso Asenjo ha permesso al Sottomarino giallo di non affondare.

Così Calleja ha cambiato di nuovo: dentro Chukwueze al posto di Moi Gómez e via libera al 4-3-3. Tridente con Toko Ekambi e Chukwueze ali e Gerard Moreno al centro, Cazorla davanti a Iborra e Anguissa. Questo assetto avrebbe concesso nuovamente il fianco destro al Betis ma con un Chukwueze con molte energie da spendere e un potenziale offensivo rinnovato in una fase della gara in cui l’ossigeno viene a mancare. È la mossa che cambia le sorti della gara.

Chukwueze si procura il rigore che riporta in vantaggio i suoi e guida il contropiede che porta alla doppietta di Toko Ekambi. L’uno-due nel giro di otto minuti con poco più di una dozzina da giocare stronca le gambe agli andalusi, che continuano a gestire il pallone ma senza forza. Non rischiando più nulla il Submarino amarillo ha trovato i colpi finali di Gerard Moreno, capo-cannoniere della Liga, e dello stesso Chukwueze nel recupero.

Il Villarreal è così tornato a vincere due gare consecutive in casa: sembra una sciocchezza ma non c’era mai riuscito nello scorso campionato. Ha inoltre migliorato il record societario di gol fatti nei primi sette turni: non più i quattordici gol del 2010/11 ma i diciotto attuali. I fantasmi del passato sono ormai svaniti, i giocatori sono tornati a parlare pubblicamente di obiettivi europei e si è tornati a sognare. Con questo potenziale offensivo e due sole competizioni da affrontare ci si può divertire.

Tabellino:
Villarreal (4-2-3-1): Asenjo 6,5; Rubén Peña 5,5, Albiol 6,5, Pau Torres 6, Quintillà 6; Zambo Anguissa 6, Iborra 6,5; Gerard Moreno 7, Cazorla 7,5 (85’ Trigueros n.g.), Moi Gómez 5 (57’ Chukwueze 8); Toko Ekambi 7,5 (79’ Ontiveros 6). A disp.: A. Fernández, Funes Mori, Mario Gaspar, Bacca. All. Javi Calleja.
Betis (4-4-2): Robles; Emerson Royal, Bartra, Feddal, Álex Moreno; Joaquín (79’ Lainez), Canales, W. Carvalho, Pedraza (75’ Tello); Borja Iglesias, Loren Morón (79’ Raúl García). A disp.: Dani Martín, Mandi, Javi García, Guardado. All. Rubi.
Gol: 39’, 76’ Toko Ekambi, 48’ Emerson de Souza, 68’ rig. Cazorla, 92’ Gerard Moreno, 94’ Chukwueze.
Arbitro: Xavier Estrada Fernández. Ha ammonito Moi Gómez, Joaquín, Quintillà e Feddal.

About Mihai C. Vidroiu 624 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*