Come sarebbe stata la Liga 2018/19 senza VAR?

L'unica grande differenza sarebbe stato il Getafe in Champions League

VAR

Anche se in Italia il VAR non è più una novità, in Spagna si è appena conclusa la prima stagione accompagnata dal video-ausilio arbitrale. Se n’è parlato moltissimo, soprattutto per le discrepanze di attuazione in casi analoghi e quindi per la poca trasparenza su un protocollo chiaro da seguire. Nonostante se ne siano lamentati un po’ tutti a rotazione, il VAR ha beneficiato alcune squadre e ne ha danneggiate altre, com’è normale che sia.

Secondo uno studio realizzato da Fernando Pindado la classifica della Liga sarebbe stata leggermente diversa se l’introduzione dell’aiuto arbitrale non fosse mai avvenuto. Tralasciando il dettaglio dei punti la principale differenza sarebbe stata il Getafe al quarto posto, e non il Valencia. Nessuna grande differenza sul podio, anche se sia il Barcellona che le due madrilene avrebbero meno punti.

Mentre per quanto riguarda il Villarreal sono stati presi in esame ventidue casi: diciannove interventi e tre casi in cui sarebbe dovuto intervenire ma non l’ha fatto. Dei diciannove interventi quindici sono stati corretti e e in quattro occasioni è stata presa una decisione erronea. Ma nel complesso il VAR ha aiutato il Sottomarino giallo più di quanto l’abbia danneggiato.

Dei ventidue casi presi in esame in quattordici di questi la video-assistenza ha aiutato a prendere una decisione in favore del Villarreal, mentre solo in otto contro. Mentre considerando solo gli interventi erronei e i mancati interventi in cui invece ci sarebbe stato bisogno di revocare la decisione del direttore di gara, il conto è equilibrato. Per quattro volte il Submarino amarillo è stato aiutato ingiustamente, e solo in tre casi è stato danneggiato ingiustamente.

In definitiva se il VAR fosse stato applicati sempre correttamente la squadra di Calleja avrebbe sempre quarantaquattro punti, ma scalerebbe dalla quattordicesima alla sedicesima posizione. Mentre senza VAR sarebbe arrivata quartultima con soli trentanove punti, appena due in più dell’Huesca terzultimo. Tutto sommato si può essere contenti.

About Mihai C. Vidroiu 618 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*