Villarreal-Eibar 1-0: MATEMATICAMENTE SALVI!

Con una giornata d'anticipo il Sottomarino giallo si è assicurato la permanenza

Eibar Funes Mori

Alla fine, nonostante tutto, ci siamo salvati. È successo un po’ di tutto e le cose non sembravano voler girare per il verso giusto, ma nel momento del bisogno la fortuna ha girato e il Villarreal continuerà a giocarsela in massima serie. L’ultima volta che il Sottomarino giallo si era salvato alla penultima giornata non aveva mai disputato una competizione europea. Basti dire che quando era arrivata all’ultimo turno senza la matematica in tasca, non era mai riuscito a salvarsi.

Domenica scorsa contro l’Eibar il Submarino amarillo è stato sospinto da un ambiente infuocato. Il bus della squadra è stato accolto da una folla di tifosi trepidanti, come non se ne vedeva dalla semifinale contro il Liverpool. La società ha distribuito sedicimila bandierine gialle per colorare le tribune. E la squadra è scesa in campo molto carica. Calleja ha confermato l’undici dell’ultima partita con il solo inserimento di Jaume Costa al posto di Quintillà.

Fonte foto: villarrealcf.es

Nel primo tempo s’è visto un ottimo Villarreal, voglioso ma soprattutto lucido. Eppure Fornals, Toko Ekambi e specialmente Chukwueze non sono riusciti a concretizzare le situazioni da gol create. Sembrava non fosse proprio giornata. Ma all’ora di gioco è arrivato l’atteso vantaggio dalla fascia sinistra, sull’asse Fornals-Costa e con il tap-in vincente (seppur di carambola) del solito Toko Ekambi, capo-cannoniere della squadra in Liga e in tutte le competizioni.

Come al solito dopo il vantaggio la squadra ha iniziato a tremare. Nonostante il fattore campo, la grande differenza tecnica tra le due squadre e soprattutto di motivazioni, un Eibar senza più obiettivi ha iniziato a dominare nel possesso e nelle occasioni. Se l’assistente dell’arbitro ha salvato la difesa non convalidando una rete sugli sviluppi dell’angolo, non è stato d’aiuto più tardi. C’è voluto il VAR per annullare il secondo pareggio virtuale degli ospiti.

Come dirà il presidente Roig a fine partita, se nel 2012 ci fosse stato il VAR il Sottomarino giallo non sarebbe mai retrocesso. Comunque sia i risultati sugli altri campi hanno aiutato il Villarreal. Il Levante, anche grazie al VAR, è stato capace di espugnare Girona, e ciò significa che sarebbe arrivata l’aritmetica salvezza anche in caso di pareggio. Tutto è bene quel che finisce bene. Adesso la trasferta di Getafe conterà più per i madrileni che per la compagine amarilla.

Al triplice fischio è arrivata la liberazione. Jaume Costa ha pianto, Álvaro González c’è andato molto vicino, la dirigenza ha esultato come e forse più che una qualificazione europea. Adesso si può già iniziare a pensare di futuro e le prime due questioni saranno Calleja e Cazorla. Lunedì mattina il vertice della società, Fernando Roig, ha detto che l’intenzione sua e del club è quella di rinnovare entrambi i contratti. Da parte sua Calleja ha detto che in settimana verrà presa una decisione, ma è ovvio che non veda l’ora di restare.

Tabellino:
Villarreal (4-4-2): A. Fernández 5,5; Mario Gaspar 6, Álvaro González 6, Funes Mori 6,5, Jaume Costa 6,5; Chukwueze 6 (91′ Bacca n.g.), Iborra 5,5, Cazorla 6,5 (88′ Javi Fuego n.g.), Fornals 6,5; Toko Ekambi 6,5 (74′ Trigueros n.g.), Gerard Moreno 6,5. A disp.: Asenjo, V. Ruiz, Quintillà. All. Javi Calleja.
Eibar (4-2-3-1): Dmitrović; de Blasis, Paulo Oliveira (70′ Marí), Ramis, José Ángel; Sergio Álvarez, Jordán; Pedro León (59′ Charles), Orellana, Cucurella; Sergi Enrich (82′ Kike García). A disp.: Riesgo, Calavera, Pape Diop, Milla. All. José Luis Mendilibar.
Gol: 59′ Toko Ekambi.
Arbitro: González Fuertes. Ha ammonito Cucurella, Mario Gaspar, José Ángel, Gerard Moreno e Bacca.

About Mihai C. Vidroiu 590 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*