Real Madrid-Villarreal 3-2: Senz’anima…

Pessima sconfitta contro un Real Madrid pieno di giovanissimi e scevro da obiettivi

Real Madrid

Nonostante fosse il Real Madrid la squadra senza alcuna motivazione, in campo è sembrato essere il Villarreal: opaco, lento e spento. Il Sottomarino giallo si sta giocando la categoria (ancor di più dopo le vittorie di Levante e Celta), mentre le merengues non inseguono nessun obiettivo da tempo. Eppure in campo s’è vista una sola squadra, e indossava la maglia bianca. La stessa che nelle ultime due di campionato non aveva segnato neanche un gol e aveva raccolto appena un punto contro Getafe e Rayo Vallecano.

Come se non bastasse Zidane, oltre alle assenze degli infortunati Sergio Ramos, Benzema e Odriozola, ha deciso di lasciare in tribuna anche il Pallone d’oro Luka Modrić e Gareth Bale (e in panchina Isco e Asensio, giusto per sottolineare). Ma ai padroni di casa sono bastati poco più di un centinaio di secondi per indirizzare la gara, su un pallone perso in fase di impostazione da Santi Cazorla.

Il pareggio è arrivato quasi subito dai piedi di Gerard Moreno e su un’azione speculare con Casemiro a regalare la sfera agli avversari. Ma dopodiché c’è stato spazio solo per il Real Madrid che ha martellato gli ospiti per larghi tratti di gara. Il Villarreal ha fatto acqua da tutte le parti, specialmente a difesa schierata, quando ogni offensiva dei madrileni diventava una chiara situazione da gol.

Tra la fine del primo tempo e l’inizio della ripresa la squadra di Zidane ha virtualmente chiuso la gara. Prima Vallejo su una distrazione di Quintillà, poi ancora Mariano Díaz che ha segnato appena quattro gol stagionali, di cui tre in Liga (due oggi al Villarreal). Non male per uno che due anni fa aveva eliminato il Sottomarino giallo dall’Europa League con un gol e una prestazione pazzesca. Nel finale gli ospiti sono cresciuti più in quantità che in qualità.

Calleja è passato al 4-4-2 inserendo prima Trigueros su Pedraza e poi Bacca, ma entrambi sono parsi completamente fuori condizione. Il gol è arrivato a tempo ampiamente scaduto grazie al subentrato Jaume Costa. Troppo tardi. La via per la salvezza è ancora tutta da percorrere, ma stasera l’attenzione sarà inevitabilmente puntata a Valladolid, la squadra che segna il confine tra i condannati e i perdonati.

Tabellino:
Real Madrid (4-3-3): Courtois; Carvajal, Varane, Jesús Vallejo, Marcelo; Valverde (62′ Isco), Casemiro, Kroos; Lucas Vázquez (62′ Asensio), Mariano Díaz, Brahim Díaz (74′ Vinicius). A disp.: Keylor Navas, Nacho, Reguilón, M. Llorente. All. Zinedine Zidane.
Villarreal (4-2-3-1): A. Fernández 6; Mario Gaspar 5 (82′ Jaume Costa 6,5), Álvaro González 5, Funes Mori 5, Quintillà 4,5; Iborra 5,5, Cazorla 4,5; Chukwueze 5,5, Fornals 5 (72′ Bacca 4,5), Pedraza 4,5 (56′ Trigueros 4,5); Gerard Moreno 6,5. A disp.: Asenjo, V. Ruiz, Javi Fuego, Morlanes. All. Javi Calleja.
Gol: 2′, 49′ Mariano Díaz, 11′ Gerard Moreno, 40′ Jesús Vallejo, 94′ Jaume Costa.
Arbitro: Gil Manzano. Ha ammonito Funes Mori, Álvaro González e Iborra.

About Mihai C. Vidroiu 564 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*