Villarreal-Espanyol 2-2: Incapaci di vincere

Da 2-0 a 2-2 in sei minuti: la salvezza sembra oramai solo una velleitaria utopia

Pedraza

Doveva essere la partita del riscatto è invece probabilmente sarà la gara che ha decretato la retrocessione. Nonostante un doppio vantaggio il Villarreal si è sgretolato per l’ennesima volta e l’Espanyol ha ribaltato il risultato nel giro di sei minuti. In campionato non si vince da nove incontri, mentre di fronte al proprio pubblico c’è riuscito una sola volta. Con la vittoria del Huesca adesso il Villarreal è la peggior squadra della Liga in casa: ha raccolto appena nove punti, contro i dieci del fanalino di coda.

Al debutto nel secondo mandato di Calleja, il tecnico madrileno ha tirato fuori dal cilindro un’inedita difesa a tre per serrare la difesa. Con un pressing asfissiante e molta densità nelle vie centrali del campo il Submarino amarillo ha rischiato poco e ha saputo sfruttare le corsie laterali. Tutto è sembrato filare per il meglio. Iborra l’ha sblocca nel primo tempo,mentre nella seconda metà Pedraza ha colpito un palo e Toko Ekambi si è guadagnato un rigore poi trasformato  da Cazorla.

Ma la situazione è completamente sfuggita di mano a un quarto d’ora dal termine. Asenjo si è lasciato sfuggire una palla che Bonera ha ribadito nella propria porta e cinque minuti più tardi Rosales ha trovato una traiettoria a giro imparabile. Una buona gara gettata al cesso nel giro di pochi minuti. Adesso il Sottomarino giallo ha diciotto punti meno dello scorso anno.

Se questa squadra non è stata in grado di vincere nemmeno contro l’Espanyol, in casa, con la scossa del cambio dell’allenatore, con una classifica terrificante, contro una formazione che aveva perso nove delle ultime dieci gare di Liga, allora non ci sono più speranze. Salvo miracoli la retrocessione appare inevitabile, e oggi ne è stata la conferma definitiva. Mancano sedici giornate, ma più che un’opportunità sembreranno una lunghissima attesa.

Tabellino:
Villarreal (3-5-2): Asenjo 4; Bonera 4, Álvaro González 5, Funes Mori 5; Miguelón 5,5 (88’ Mario Gaspar n.g.), Cazorla 6, Iborra 5,5, Fornals 5 (83’ Chukwueze n.g.), Pedraza 6; Toko Ekambi 6 (74’ Bacca n.g.), Gerard Moreno 5. A disp.: A. Fernández, Jaume Costa, Cáseres, Javi Fuego. All. Javi Calleja.
Espanyol (4-3-3): Diego López; Rosales, David López, Hermoso, Dídac Vilà (78’ Wu Lei); Piatti, Víctor Sánchez (46’ Melendo), Darder, Granero; Sergio García (70’ F. Ferreyra), Borja Iglesias. A disp.: Roberto, Lluís López, Javi López, Álex López. All. Rubi.
Gol: 37’ Iborra, 65’rig. Cazorla, 75’aut. Bonera, 81’ Rosales.
Arbitro: Cuadra Fernández. Ha ammonito Bonera, Víctor Sánchez, Fornals, Funes Mori, Piatti, Hermoso, Rosales, Iborra e Darder.

About Mihai C. Vidroiu 552 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*