Alavés-Villarreal 2-1: Sempre più giù

Un Sottomarino impaurito e remissivo rinuncia a giocare e a vincere

Alavés

Sembrava resuscitato ma era un fuoco di paglia. Il Villarreal post-sosta per le nazionali è tornato a mostrare l’attitudine di inizio campionato perdendo ancora una volta (quarta volta nei cinque scontri diretti contro l’Alavés da quando è tornato in massima serie). L’Alavés, vice-capolista di Liga, ha fatto registrare il suo miglior avvio di Liga di sempre, controllando un avversario sulla carta molto più forte e con il merito di aver ribaltato una partita che sembrava essersi incanalata molto bene per il Sottomarino giallo.

Dopo le ultime uscite Calleja credeva ormai trovato la quadratura del cerchio con il 4-2-3-1, un modulo che permette di apportare un maggior numero di giocatori offensivi rispetto al vecchio 4-4-2, e con una distribuzione spaziale più consona ai meccanismi della squadra. Il gol del vantaggio è arrivato dopo pochi minuti innescato dall’estro di Cazorla e finalizzato da Gerard Moreno su assist di Pedraza. Da lì in poi il Villarreal ha potuto giocare con maggiore accortezza, concedendo l’amministrazione ai baschi.

Ma nella ripresa i padroni di casa hanno trovato il pari su palla inattiva e il Sottomarino giallo non ha saputo riprendere in mano la gara. I baschi hanno continuato a dominare e creare le migliori occasioni, lasciando agli ospiti giusto il tempo di ripartite in contropiede. Un copione che non ha portato lontano. Nell’interminabile recupero (nove minuti) l’Alavés ha avuto la caparbietà di trovare i tre punti, e già in altre tre occasioni quest’anno aveva ripreso l’incontro dopo il novantesimo.

Il Submarino amarillo non è affatto stato quello visto contro l’Atlético Madrid, né quello di Europa League. Contro una delle avversarie più in forma della Liga è tornato a essere una squadra impaurita e remissiva, incapace di sfruttare a pieno le proprie potenzialità. A questo punto il futuro di Javi Calleja è nuovamente e ampiamente da mettere in discussione: non si può prescindere dai risultati per una decisione così importante per il futuro della stagione. Nove punti in dieci giornate sono il peggior inizio di sempre per il Villarreal (proprio come con Valverde nel 2009/10).

Tabellino:
Deportivo Alavés (4-4-2): Pacheco; Aguirregabiria, Ximo Navarro (60’ Maripán), Laguardia, Duarte; Ibai Gómez (93’ Borja Bastón), Wakaso (82’ Manu García), Tomás Pina, Jony Rodríguez; Sobrino, Calleri. A disp.: Sivera, Brašanac, Burgui, Guidetti. All. Abelardo.
Villarreal (4-2-3-1): Asenjo 6; Mario Gaspar 5,5, Álvaro González 5,5, Funes Mori 5, Jaume Costa 5; Cáseres 5,5 (95’ Raba n.g.), Trigueros 5 (83’ Iturra n.g.); Cazorla 6 (66’ Toko Ekambi 5), Fornals 5,5, Pedraza 5,5, Gerard Moreno 6. A disp.: A. Fernández, V. Ruiz, Layún, Sansone. All. Javi Calleja.
Gol: 10’ Gerard Moreno, 51’ Calleri, 94’ Borja Bastón.
Arbitro: Cuadra Fernández. Ha ammonito Funes Mori e Duarte.

About Mihai C. Vidroiu 490 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*