Villarreal-Valencia 0-0: Ancora ombre

Continua la maledizione casalinga: due sconfitte e due pare nelle prime quattro

Gameiro Valencia Mario Gaspar

Ancora amaro in bocca per i tifosi del Villarreal: il derby regionale col Valencia finisce a reti vergini nonostante la superiorità numerica per più di mezz’ora. Il Sottomarino giallo non iniziava una stagione con quattro partite senza nemmeno una vittoria casalinga da quattordici anni: correva la stagione 1994/95 e all’epoca non era neanche mai stato in massima serie. La gara comunque è stata sicuramente caratterizzata da un caldo asfissiante: si sono registrati trentuno gradi e si è notato anche dai bassi ritmi dell’incontro.

Per l’occasione Calleja ha confermato la scelta di Funes Mori mediano in un 4-4-2 in linea con Fornals e Layún esterni intercambiabili. Rispetto a giovedì sera i padroni di casa sono apparsi più restii a dover necessariamente controllare la sfera, concedendo metri al Valencia ma senza rischiare nulla. Nella prima parte gli sbadigli di una gara molto tattica sono stati interrotti dall’occasione malamente sbagliata da Bacca (nata da un’idea di Fornals) e dal colpo di testa di Álvaro González su calcio d’angolo.

La svolta della gara è arrivata all’ora di gioco con l’espulsione diretta di Dani Parejo per un’entrata in ritardo su Funes Mori: nonostante l’avvallo da parte del VAR la decisione è parsa esagerata. Calleja, spesso molto arguto nei cambiamenti in corso, si è preso la briga di togliere Fornals pochi minuti dopo, e il pubblico ha risposto con un’ondata di fischi. Ma la nota più preoccupante è che nella mezz’ora con l’uomo in più le uniche occasioni pericolose le ha create il Valencia con i tiri dalla distanza di Guedes e Chéryshev.

Se si possono registrare miglioramenti nel pacchetto difensivo (gli ospiti non sono mai entrati in area palla al piede), ed è sicuramente anche merito di un giocatore come Funes Mori davanti alla difesa, non si può dire lo stesso per la fase offensiva. Con il Valencia schierato il Villarreal si è dimostrato incapace di perforare la difesa avversaria, l’impressione è che senza la giocata individuale o l’errore degli avversari non ci sia modo di inventarsi qualcosa.

Tabellino:
Villarreal (4-4-2): Asenjo 7; Mario Gaspar 5,5, Álvaro González 6, V. Ruiz 6,5, Jaume Costa 5 (73′ Cazorla n.g.); Fornals 6 (67′ Pedraza 6), Funes Mori 6, Trigueros 6, Layún 6; Bacca 5,5 (81′ Toko Ekambi n.g.), Gerard Moreno 5,5. A disp.: A. Fernández, Iturra, Morlanes, Sansone. All. Javi Calleja.
Valencia (4-4-2): Neto; Piccini, Gabriel Paulista, Diakhaby, Gayá; Ferrán Torres (56′ Gonçalo Guedes), Carlos Soler, Dani Parejo, Chéryshev; Santi Mina (46′ Batshuayi), Gameiro (61′ Coquelin). A disp.: J. Doménech, Murillo, Lato, Rodrigo Machado. All. Marcelino.
Arbitro: Jaime Latre. Ha ammonito Diakhaby, Jaume Costa, Layún, Funes Mori e Mario Gaspar; inoltre ha espulso Dani Parejo e allontanato Marcelino al 59′.

About Mihai C. Vidroiu 500 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*