Il tentativo lampo per Raúl Albiol

Riassunto della trattativa (fallita) per portare Albiol in amarillo

Albiol

Gli ultimi giorni dello scorso mese il Villarreal ha tentato un’operazione-lampo: riportare in Spagna Raúl Albiol, ma il tentativo è andato a vuoto. Venerdì 22 giugno i dirigenti del Sottomarino giallo hanno contattato l’agente del calciatore, Manuel García Quilón, che nella Plana Baixa conoscono molto bene, essendo anche il rappresentante di Samu Castillejo. L’idea era quella di portare il difensore del Napoli a Vila-real tramite la clausola di risoluzione che, fino al 30 giugno, sarebbe rimasta a soli sei milioni di euro. Il direttore sportivo Fernando Roig Negueroles ha messo sul piatto lo stesso ingaggio attualmente percepito dal calciatore in Italia: tra i 2,1 e i 2,2 milioni di euro, e ha fatto leva sulla voglia del giocatore di tornare a casa. Raúl Albiol infatti è di Valencia, a mezz’ora di distanza da Vila-real, e la tentazione di tornare a casa ha indotto lo spagnolo a prendere in considerazione la proposta. Inoltre l’addio di Maurizio Sarri, allenatore con cui era molto legato, avrebbe potuto indurre Albiol a cambiare aria.

Ma non appena i dirigenti del Napoli sono venuti a sapere della situazione precaria hanno tentato di trattenere in tutti i modi il difensore iberico. Da parte sua Carlo Ancelotti ha chiamato personalmente il giocatore per confermargli la sua importanza nel nuovo progetto, mentre il d.s. Cristiano Giuntoli ha subito proposto un nuovo contratto. Nonostante quello in vigore fosse in scadenza tra due anni gli è stato offerto un prolungamento per una terza stagione, ovvero una in più di quanto offriva il Villarreal, disposto a fargli firmare solo un biennale vista l’età del giocatore, che a settembre compirà trentatré anni. Inoltre il Napoli ha messo nero su bianco l’esigenza di trattenerlo ritoccandogli l’ingaggio fino a tre milioni di euro e contestualmente eliminando la clausola di risoluzione. Così è stato. Giovedì scorso Raúl Albiol ha firmato il rinnovo di contratto azzerando le possibilità di lasciare il San Paolo.

Sugli altri fronti in casa Villarreal bisogna menzionare due situazioni. La prima è quella di Antonio Rukavina, il cui rinnovo sembrava scontato, ma che nelle ultime settimane si è allontanato dal Villarreal. Il terzino destro era in scadenza e, come di consueto da due anni a questa parte, ha offerto l’ennesimo rinnovo per un’altra stagione alle stesse cifre. Nonostante il nazionale serbo abbia inizialmente accettato le condizioni adesso ha fatto sapere alla società di avere ricevuto offerte più generose da club esteri disposti a offrirgli un biennale. Perciò molto probabilmente, adesso che la Serbia ha abbandonato il Mondiale, Rukavina ufficializzerà il suo addio e il Submarino amarillo dovrà cercare un altro laterale di riserva. Sembrerebbe scartata la soluzione di promuovere il terzino del Villarreal B, tale Miguelón, con cui Calleja ha vinto una Copa de Campeones juvenil. Il terzino non è disposto a fare la riserva e continuare ad alternarsi con la squadra B, preferirebbe andare a giocare in Segunda División A e in questo senso ha già ricevuto offerte.

L’altra situazione è quella dell’esterno offensivo del Villarreal B Samuel Chukwueze. Il nigeriano ha disputato un finale di stagione impressionante e sulle sue tracce si sono affacciati moltissimi club spagnoli e non. Avendo un contratto giovanile la sua clausola di risoluzione si aggirava sui dieci milioni di euro e durante i play-off di Segunda División B il Villarreal ha lavorato per blindarlo. Lo scorso fine settimana è arrivata la fumata bianca: è stato raggiunto un accordo con una clausola risolutiva di circa trenta milioni di euro. Così, dopo Manu Morlanes, anche Samu Chukwueze è stato trattenuto con un contratto adeguato alle aspettative del club.

About Mihai C. Vidroiu 500 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*