Lione-Villarreal 3-1: C’est la vie!

Un'altra sconfitta per il Sottomarino giallo: questa potrebbe costare l'Europa

Lione

La Francia si conferma terra maledetta per il Villarreal che al quarto tentativo è costretto a rimandare l’appuntamento con un trionfo (terza sconfitta e un pareggio su suolo francese). L’Olympique Lione non disputa la migliore delle sue prestazioni, ma l’esplosività e il cinismo del suo reparto offensivo è bastato per ipotecare il passaggio agli ottavi di finale di Europa League. Fra una settimana il Sottomarino giallo, terza sconfitta consecutiva nelle ultime tre gare disputate, avrà bisogno della partita perfetta (giovedì prossimo alle ore 19) per ribaltare il tre a uno rimediato stanotte allo Stade de Lyon. D’altronde da quando due anni fa il Lione ha inaugurato il suo nuovo stadio da sessantamila seggiolini è caduto solamente contro la Juventus in campo europeo e da allora ha accumulato la settima vittoria nelle ultime nove.

Il canovaccio tattico dell’incontro si dirama dopo un quarto d’ora di gioco: il Villarreal vuole amministrare con una circolazione di palla a centottanta gradi, mentre i padroni di casa sanno di poter far male sulle verticalizzazioni. Da entrambi i casi ne nascono situazioni da gol, anche se quelle prodotte dagli ospiti sono più chiare, ma nonostante emozioni e buon calcio lo spettacolo arriva nella seconda parte. Il Villarreal rientra dagli spogliatoi con la testa altrove: nei primi cinque minuti i francesi innescano un uno-due che potrebbe essere decisivo nel computo della doppia sfida. Prima su gioco aereo e poi grazie alla giocata di Mariano Díaz che ridicolizza un Álvaro González terribilmente in affanno. Ma la notizia della serata è che il Villarreal non china la testa e continua a dar lustro nonostante lo svantaggio.

La rete di Fornals – ancora lui: tre reti delle ultime cinque messe a segno dal Submarino amarillo – ridà speranza alle ambizioni della squadra, che continua a spingere fino all’ultimo. Ma il Lione, che di giocatori di qualità ne ha eccome, ha ancora energie da spendere e quando riparte in verticale mette sempre paura. L’ingresso di Depay è folgorante: l’olandese entra, esibisce numeri da giocoliere e stronca le gambe agli spagnoli con una cannonata da fuori area. Sul tre a uno la partita è virtualmente chiusa. L’unica volta che il Villarreal è riuscito a rimontare nella gara di ritorno una sconfitta con due gol di scarto è stato nel lontano Intertoto 2002 contro il Torino: dopo il due a zero al Delle Alpi, il Sottomarino giallo vinse con lo stesso risultato al Madrigal, salvo poi passare il turno ai calci di rigore. Stavolta servirà un’impresa ancora maggiore.

Tabellino:
Olympique Lione (4-2-3-1): A. Lopes; Rafael (84’ Mendy), Marcelo, Morel, Marçal; NDombèlé, Tousart; Bertrand Traoré (77’ Cornet), Fekir, Aouar (73’ Depay); Mariano Díaz. A disp.: Gorgelin, Diakhaby, Ferry, Cheikh. All. Bruno Génésio.
Villarreal (4-4-2): Asenjo 5; Mario Gaspar 6, Álvaro González 4,5, V. Ruiz 4,5, Jaume Costa 6; Rodri 5,5, Castillejo 5 (54’ Enes Ünal 5), Trigueros 6,5, Fornals 5,5 (89’ Raba n.g.); Chéryshev 5,5 (74’ R. Soriano n.g.), Bacca 5. A disp.: Barbosa, Bonera, Rukavina, Javi Fuego. All. Javi Calleja.
Gol: 46’ Ndombèlé, 49’ Mariano Díaz, 63’ Fornals. 82’ Depay.
Arbitro: Viktor Kassai (HUN). Ha ammonito Álvaro González, Chéryshev, Marçal e Rodri.

About Mihai C. Vidroiu 449 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*