Javi Fuego ha firmato fino al 2020

Il suo arrivo servirà a rimpiazzare Bruno, ancora out, e dare fiato a Rodri

Javi Fuego Espanyol

L’accordo è stato trovato tra venerdì e sabato scorso: Javi Fuego ha lasciato l’Espanyol e ha firmato un contratto di due anni e mezzo con il Villarreal. Il centrocampista, che ha appena compiuto trentaquattro anni, ha passato le visite mediche nella giornata di ieri e ha già firmato il suo nuovo contratto per cui dovrebbe allenarsi con la squadra già durante l’allenamento di oggi. Il suo vecchio contratto con i pericos sarebbe andato in scadenza fra diciotto mesi ma, pur essendo una pedina-chiave della compagine catalana, Chen Yansheng, presidente del club, si è convinto a lasciarlo andare. Decisive sono state la possibilità di incassare denaro per un giocatore così maturo e simultaneamente di liberarsi di uno degli stipendi più alti della rosa (quasi due milioni di euro netti a stagione). Secondo gran parte della stampa catalana il Sottomarino giallo avrebbe prima presentato un’offerta di un milione di euro, rifiutata dalla società barcellonese, per poi aver rialzato fino a un milione e mezzo. Secondo la stampa locale invece il costo dell’operazione sarebbe di circa 750mila euro. La verità sta nel mezzo. L’accordo finale prevederà il corrispettivo di 750mila euro più il giovane Genís Montolio come contropartita tecnica, valutato altrettanto. Il terzino di ventuno anni stava giocando nel Villarreal B e, per chi se lo ricorda, ha disputato anche la gara di Europa League contro il Maccabi Tel-Aviv.

D’altro canto Fernando Roig Neguroles, amministratore delegato del Villarreal, ha avvertito la necessità di questo acquisto assieme a Javi Calleja in seguito alle condizioni di Bruno Soriano. Il metronomo amarillo si è sottoposto a un intervento chirurgico lo scorso luglio, ma la sua convalescenza sta tardando oltre ogni aspettativa. Sarebbe dovuto tornare in campo nel giro di tre-quattro mesi, ma quando ci ha provato ha continuato ad avvertire fastidi che ne hanno impedito il completo recupero. Ad oggi lo staff medico non è in grado di stabilire quando sarà in grado di tornare a giocare e lo stesso Bruno si sta rivolgendo ai migliori esperti per trovare una soluzione. Nel frattempo il Villarreal è in piena lotta per un posto in Champions League e ancora in corsa sul fronte europeo. Finora Rodri ha giocato quasi tutte le partite come vertice basso del centrocampo a rombo, ma alla lunga avrà bisogno di tirare il fiato e con Bruno fuori gioco la società ha preferito prendere un rimpiazzo di qualità. In questa prima parte di stagione la soluzione era stata forzare il più possibile Rodri e sperimentare Ramiro Guerra, ma si è preferito lasciare il canterano nel Villarreal B per non alterare il suo percorso di crescita e puntare su un giocatore immediatamente pronto e affidabile come Javi Fuego.

In questo senso il mediano asturiano è la pedina perfetta. Si tratta di un calciatore che nell’arco della sua carriera ha garantito affidabilità in ogni squadra in cui ha giocato, riuscendo a imporsi come titolare perfino nel Valencia di Nuno Espírito Santo che c’entrò il quarto posto pochi anni fa. È già pronto per essere impiegato, conosce perfettamente il campionato spagnolo e sa adattarsi a qualsiasi schema. È costato poco e inoltre sarà un valore aggiunto all’interno dello spogliatoio al pari dei Bonera e dei Rukavina. Il suo temperamento e la carta d’identità sono garanzie circa il suo utilizzo: non reclamerà un posto da titolare, ma sarà a disposizione dell’allenatore per garantire prestazioni di qualità al momento opportuno. In questa ottica può essere considerato un acquisto mirato per le esigenze attuali. Con questa operazione il mercato invernale dovrebbe essere chiuso per il Villarreal, che tra l’altro nella giornata di ieri ha ufficializzato la rescissione del contratto di prestito di Nahuel Leiva al Betis e contestualmente un nuovo prestito con diritto di riscatto per il Barcellona B.

About Mihai C. Vidroiu 419 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*