Villarreal-Leganés 2-1: Non è bastato!

El Zhar spedisce il Leganés ai quarti di Copa del Rey per la prima volta nella storia

El Zhar Leganés

Non è stato sufficiente. Nonostante una grande prestazione il Villarreal non è riuscito a rimontare la sconfitta dell’andata e, pur avendo vinto per due a uno, deve abbandonare la Copa del Rey. Per il terzo anno consecutivo la cavalcata alla coppa nazionale si ferma ali ottavi di finale, ma per l’ennesima volta contro una formazione nettamente inferiore (nell’ultimo decennio nella lista dei carnefici figurano squadre del calibro di Poli Ejido, Mirandés e Ponferradina). Non a caso è la prima volta nella sua storia che il Leganés raggiunge i quarti di finale della coppa nazionale. Il Sottomarino giallo ha giocato un’ottima gara ma le parate di Champagne e la predisposizione difensiva degli ospiti hanno impedito ai padroni di casa di completare la rimonta.

Come al solito per la coppa nazionale c’è più spazio per qualche panchinaro, Javi Calleja ha concesso minuti al secondo portiere, ai due terzini di riserva e al giovane Raba. E come promesso in conferenza-stampa pre-gara il suo Villarreal è propositivo, offensivo e padrone del campo. Ma d’altronde il Leganés, forte della vittoria dell’andata, può permettersi di difendere a oltranza e sperare in qualche ripartenza verticale. E proprio così accade: al primo e unico contropiede El Zhar sguscia via e supera Barbosa con un pallonetto che sancirà il passaggio del turno. Torna a segnare fuori casa dopo quella rete a Gijón del lontano 6 dicembre 2015. Doveva svegliarsi proprio oggi. Comunque il Submarino amarillo, sotto di un gol, reagisce alla grande. Le migliori occasioni del primo tempo arrivano proprio dopo la rete degli ospiti, ma né Enes Ünal ne Fornals trovano il modo di superare Champagne.

La seconda parte si apre con la rete di Raba, curiosamente tornato a segnare ancora una volta al Leganés, l’unico club professionistico a cui sia stato in grado di gonfiare la rete. Con soli due gol da rimontare il Villarreal inizia a crederci e nella parte centrale del secondo tempo sforna una considerevole quantità di occasioni, ma non è serata. O per meglio dire, quando non si è mai entrati in campo nella gara d’andata, è difficile porre rimedio con una mezzora di grande calcio e sperare si sfangarla. Il Leganés difende bene, i padroni di casa sono un po’ sfortunati e il raddoppio arriva soltanto a un paio di giri di lancette dal termine. Ancora una volta la Coppa del Re si è dimostrata una competizione ostile al Sottomarino giallo, che però ora potrò concentrasi meglio sul campionato. Ah, avrebbe debuttato anche Roger Martínez, troppo poco per giudicare, ma almeno potrà iniziare a entrare nelle rotazioni.

Tabellino:
Villarreal (4-4-2): Barbosa 5,5; Rukavina 6, V. Ruiz 6, Álvaro González 6, Adrián Marín 6 (72’ Roger Martínez n.g.); Rodrigo 5,5 (62’ Castillejo 6), Trigueros 6,5, Raba 6, Fornals 6 (81’ Chéryshev 6,5); Bacca 5,5, Enes Ünal 5,5. A disp.: Asenjo, Bonera, Mario Gaspar, Ramiro Guerra. All. Javi Calleja.
Leganés (4-2-3-1): Champagne; Tito, E. Muñoz, Siovas, Diego Rico; Gumbau, Rubén Pérez; El Zhar (74’ M. Mantovani), Javi Eraso, Naranjo (62’ Omar Ramos); Beauvue. A disp.: Cuéllar, Gabriel Pires, Amrabat, M. A. Guerrero. All. Asier Garitano.
Gol: 31’ El-Zhar, 48’ Raba, 89’ Chéryshev
Arbitro: Álvarez Izquierdo. Ha ammonito Rukavina, Siovas, Gumbau, Champagne e Fornals.

About Mihai C. Vidroiu 411 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*