Leganés-Villarreal 3-1: Disastro a Butarque

Un Villarreal irriconoscibile gioca male e prende l'imbarcata contro il Leganés

Fonte foto: villarrealcf.es

Un Villarreal irriconoscibile cade al Butarque contro un Leganés solido e soprattutto cinico, e si può già parlare del primo momento difficile della conduzione Calleja. Il suo Sottomarino giallo non ha solo perso, ma ha disputato probabilmente la sua peggior partita dall’arrivo del nuovo allenatore. Un punto nelle ultime tre gare di campionato, nonostante sia sia portato in vantaggio in tutte e tre le partite. E stavolta la sconfitta è arrivata contro una squadra, il Leganés, che arrivava da quattro sconfitte consecutive in Liga. Sarà ancora più difficile tornare alla vittoria settimana prossima contro il Barcellona.

Comunque Calleja deve leggere una lista degli indisponibili alquanto lunga: sono squalificati Ruiz e Jaume Costa, che si aggiungono ai lungodegenti Andrés Fernández, Bruno Soriano, Castillejo, Rubén Semedo, oltre a Chéryshev e Sansone (per l’italiano si prospettano almeno tre settimane di stop per uno strappo al gemello). Ma anche Garitano ha i suoi problemi: i quattro centrali sono tutti in infermeria e deve schierare al centro della difesa due terzini: Tito e Raúl García. Ne viene fuori una partita prudente, combattuta per lo più a centrocampo, per vedere un’occasione da gol bisogna aspettare la fine del primo tempo. Di fatto i cinque centrocampisti del Leganés bloccano i meccanismi del Submarino amarillo. Il pressing a tutto campo non lascia agli ospiti la tranquillità di impostare come sanno fare solitamente.

L’unica idea del Villarreal è quella di scavalcare il centrocampo con lanci lunghi. Così arriva il gol del vantaggio di Raba lanciato da Trigueros, ma non aiuta il Villarreal a giocare più fluidamente. Non sembra il Sottomarino di Calleja, piuttosto quello di Escribá. Diego Rico trova un tiro-cross rasoterra che rilancia le ambizioni del Leganés, e con gli ospiti fermi al palo la partita si ribalta. Due errori in fase di costruzione da parte di Mario Gaspar e Chuca innescano due ripartenze a palla scoperta che i padroni di casa non si lasciano sfuggire. I padroni di casa hanno confermato la tendenza a pungere nel secondo tempo: dieci gol nei secondi tempi a fronte di appena due (nelle prime due giornate di Liga) nei primi.

Tabellino:
Leganés (4-1-4-1): Cuéllar; Bustinza, Tito, Raúl García, D. Rico; Rubén Pérez; El Zhar, Gabriel, Eraso (84’ Erik Morán), Szymanowski (68’ Amrabat); Beauvue (78’ Naranjo). A disp.: Nereo, Mauro dos Santos, Zaldúa, M. Koné. All. Asier Garitano.
Villarreal (4-4-2): Barbosa 5; Mario Gaspar 5,5, Álvaro González 6,5, Bonera 6, Adrián Marín 4,5 (88’ Chuca n.g.); Rodrigo 5,5, Raba 6 (77’Mario González n.g.), Trigueros 5,5, Fornals 5; Bacca n.g. (35’ R. Soriano 5), Bakambu 6. A disp.: Asenjo, Pau Torres, Rukavina, Ramiro Guerra. All. Javi Calleja.
Gol: 60’ Raba, 72’ D. Rico, 81’ El Zhar, 93’ Gabriel.
Arbitro: Fernández Borbalán. Ha ammonito Raba, Trigueros, Bonera, D. Rico e Adrián Marín.

About Mihai C. Vidroiu 479 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*