Villarreal-Siviglia 2-3: Tracollo improvviso!

Da 2-0 il Villarreal si fa rimontare in un minuto e mezzo e poi prende il terzo

Siviglia
Fonte foto: villarrealcf.es

Come spesso accade da anni quando il Villarreal vede Siviglia finisce con lo sbattere il muso contro il muro. Gli andalusi hanno ferito per l’ennesima volta il Sottomarino giallo e con un’altra rimonta, da due a zero a due a tre, dopo l’epica rimonta di martedì contro il Liverpool. È una sconfitta che brucia soprattutto perché il Submarino amarillo aveva mostrato una netta superiorità nella prima parte, salvo poi farsi rimontare in un minuto e mezzo. Non può essere un caso se negli ultimi undici precedenti contro il Siviglia si è vinta una sola partita e se ne sono perse addirittura sette. E nonostante gli andalusi venissero da quattro sconfitte esterne consecutive in Liga, stasera la squadra di Eduardo Berizzo ha trovato tre punti fondamentali in quello che poteva essere considerata uno scontro diretto per la corsa all’Europa.

Eppure la squadra di Javi Calleja aveva disputato un grandissimo primo tempo: alla sua prima sfida di cartello di fronte al proprio pubblico il suo Villarreal aveva mostrato supremazia territoriale e non aveva concesso alcuna situazione da gol. In linea con le statistiche che dimostravano quanto il Sottomarino giallo fosse efficace nel proprio stadio: aveva subito un solo gol in campionato, quello di Sergio León oltre due mesi e mezzo fa. La rete del vantaggio era arrivata sull’asse FornalsBakambu; a proposito il franco-congolese, oltre a essere vice-capocannoniere della Liga assieme a Zaza, è il miglior marcatore della Liga da quando è arrivato, se si eccettuano le reti segnate di testa.

Ma nel primo quarto d’ora del secondo tempo la partita cambia completamente volto. Se un gran bel gol di Bacca sembra aver chiuso i conti al rientro dagli spogliatoi, agli ospiti bastano meno di cinque minuti per stravolgere tutto. Dopo meno di tre minuti Langlet pareggia di testa da calcio di punizione (il Villarreal si conferma la peggior difesa spagnola su calci da fermo con sei gol incassati su palla inattiva) e meno di cento secondi dopo El Mudo Vázquez annulla il vantaggio casalingo con un tiro dal limite. Tutto da rifare. Dopo aver subito un solo gol in cinque partite interne, ne incassa due in meno di due minuti, e non è ancora finita. La ripercussione psicologica si avverte e il Villarreal non domina più come nella prima parte.

Forse è proprio questa la chiave del match. Se il Siviglia, che in trasferta si è dimostrato tutt’altro che temibile, ha trovato la forza di reagire dopo un primo tempo a testa bassa e il raddoppio di Bacca, il Villarreal non ha saputo fare altrettanto con maggiori attenuanti. Nell’ultima mezzora si avverte che entrambe le squadre potrebbero vincere l’incontro, ma nessuna delle due vuole rischiare, finché Ruiz causa il rigore (netto) che spalanca a Banega la porta della vittoria. Erano sette mesi che il Sottomarino giallo non incassava più di un gol in casa (dalla sconfitta interna con l’Eibar), e per la quarta volta in massima serie rimane a mani vuote dopo essere stato in vantaggio per due a zero (contro l’Atlético Madrid nel 2008/09, il Barça nel 2013/14 e il Real Madrid l’anno scorso). Dopo il terzo gol e la conseguente espulsione di Ruiz per doppia ammonizione, c’è ben poco da fare.

Tabellino:
Villarreal (4-4-2): Barbosa 5; Mario Gaspar 6, Álvaro González 7, V. Ruiz 4, Jaume Costa 5,5; Rodrigo 6 (48’ Ramiro Guerra 5), Trigueros 6 (84’ Pau Torres n.g.), R. Soriano 5,5 (69’ Sansone n.g.), Fornals 6,5; Bacca 6,5, Bakambu 6,5. A disp.: Asenjo, Rukavina, Adrián Marín, Raba. All. Javi Calleja.
Siviglia (4-2-3-1): Sergio Rico; Mercado, Geis, Lenglet, Carole; Banega, G. Pizarro; Sarabia (90’ Jesús Navas), F. Vázquez (68’ Krohn-Delhi), J. Correa; Muriel (93’ Ganso). A disp.: D. Soria, Corchia, Nolito, Ben Yedder. All. Edu Berizzo.
Gol: 19’ Bakambu, 53’ Bacca, 56’ Lenglet, 57’ F. Vázquez, 78’rig. Banega
Arbitro: Arberola Rojas. Ha ammonito V. Ruiz, Ramiro Guerra, G. Pizarro, Banega, J. Correa e Jaume Costa; e ha espulso V. Ruiz per doppia ammonizione al 78’.

About Mihai C. Vidroiu 480 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*