Atlético Madrid-Villarreal 1-1: Punto d’oro

Una grande prestazione del Sottomarino giallo che pareggia con Carlos Bacca

Atlético Madrid

Il Villarreal può uscire a testa alta dal Metropolitano, dove se l’è giocata ad armi pari con l’Atlético Madrid, nonostante i colchoneros non stiano affrontando un gran momento di forma. La squadra di Javi Calleja ha comunque risposto presente allungando la propria serie di imbattibilità in campionato (dove non ha ancora perso col nuovo tecnico) e quella contro l’Atleti, che non batte il Sottomarino giallo da due anni e mezzo (e che nel quinquennio Simeone ha battuto il Villarreal di fronte al proprio pubblico solo una volta: nel 2011/12). Questo punto in trasferta potrà aiutare molto sia per il morale dello spogliatoio, dopo la sconfitta a Ponferrada, sia in classifica considerando che questa sulla carta può essere considerata una delle gare più difficili della stagione.

Sicuramente i padroni di casa hanno fatto qualcosa in più nell’arco dei novanta minuti, com’è normale che fosse, ma il Villarreal non ha concesso quasi nulla. Anzi sul palleggio il Submarino amarillo ha fatto vedere anche qualcosa in più, dimostrando che con questa qualità a centrocampo si può fare la gara anche in un campo difficile come quello dell’Atlético Madrid. Di fatto la grande prestazione di Thomas ha permesso ai colchoneros di sbarrare la strada alle incursioni centrali dei castellonensi, per poter poi ripartire in verticale. Ma dopo il vantaggio di Ángel Correa intorno all’ora di gioco, il Villarreal ha commesso una sola ingenuità a cui Barbosa ha saputo rimediare salvando il risultato con una parata da urlo. Oltre a quel calcio d’angolo, in cui si è permesso a Godín di chiudere il match, la squadra ha reagito con grande personalità.

Stasera più che mai l’incontro l’ha preso in mano Calleja azzeccando tutti e tre i cambi, esauriti già a un quarto d’ora dal novantesimo. Se Castillejo sarebbe potuta essere una scelta ovvia e Rukavina quasi obbligata, inserire Chéryshev con così largo anticipo può essere considerato un rischio. Il russo non ha fatto la differenza ma Calleja ha dimostrato di sapere perfettamente quanto ogni giocatore possa dare e di avere il fegato di mandare in campo coloro di cui ha bisogno, senza guardare troppo il cronometro. Il pari è arrivato da un angolo di Castillejo per la testa di Bacca. Un po’ un colmo visto che a questa squadra era stato (giustamente) imputato di subire troppe reti su palla inattiva (precisamente il 60%), e contro Simeone, da anni il massimo esperto in materia di calci da fermo, ha trovato il gol decisivo proprio su palla inattiva, per la prima volta in stagione. Chapeau.

Tabellino:
Atlético Madrid (4-4-2): Oblak; Juanfran, Godín, Savić, Filipe Luís; Ángel Correa, Thomas, Gabi, Saúl Ñíguez; Gameiro (75’ Vietto), Griezmann. A disp.: Moyà, José Giménez, Lucas Hernández, Augusto Fernández, Nico Gaitán, F. Torres. All. Diego Simeone.
Villarreal (4-4-2): Barbosa 7; Mario Gaspar 7, Álvaro González 6,5, V. Ruiz 6,5, Jaume Costa 4,5 (69’ Rukavina 7); Rodrigo 6, Trigueros 6,5, R. Soriano 5 (60’ Castillejo 6), Fornals 5,5 (76’ Chéryshev n.g.); Bacca 7, Bakambu 4,5. A disp.: Cantero, Bonera, Ramiro Guerra, Sansone. All. Javi Calleja.
Gol: 61’ Ángel Correa, 81’ Bacca.
Arbitro: Undiano Mallenco. Ha ammonito Trigueros, Bakambu, Bacca e Álvaro González.

About Mihai C. Vidroiu 479 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*