Andrés Fernández, il portiere del prossimo anno?

Il Villarreal potrà riscattarlo entro il 15 giugno a due milioni di euro

Andrés Fernández

Conclusosi un’altra stagione il Villarreal sta già lavorando per la prossima stagione. Con gli introiti della cessione di Mateo Musacchio al Milan, adesso l’amministratore delegato Fernando Roig Negueroles avrà maggiore libertà per gestire i movimenti in entrata. I primi movimenti saranno certamente quelli legati ai giocatori in prestito: in entrata sono destinati a rincasare i difensori Adrián Marín e Pablo Íñiguez, i centrocampisti Cristian Espinoza, Alfred N’Diaye e Alfonso Pedraza, e l’attaccante Akram Afif. Di questi però dovrebbe rimanere in rosa solamente il terzino sinistro Adrián Marín, considerato il laterale del futuro, che prenderebbe il posto di José Ángel, destinato a tornare al Porto. In uscita invece dovrebbero andarsene Santos Borré, di proprietà dell’Atlético Madrid, e altri due giocatori del Porto: ovvero il portiere Andrés Fernández e la punta Adrián López. Ma il primo obiettivo sembrerebbe proprio la conferma dell’estremo difensore spagnolo.

In seguito all’ennesimo infortunio di Sergio Asenjo, il club castellonense è ora alla ricerca di un titolare per la prossima stagione e le prestazioni di Andrés Fernández hanno convinto tutti. A meno di clamorose virate dovrebbe essere lui a difendere i pali del Sottomarino giallo da agosto. La società ha già fatto sapere al giocatore di avere intenzione di riscattarlo dal Porto, e di tutta risposta il giocatore avrebbe già chiesto al proprio entourage di non prendere in considerazione nessun’altra offerta. D’altro canto il Porto sarebbe ben lieto di liberarsi di un giocatore acquistato per un capriccio di Julen Lopetegui, ex-tecnico dei dragoni ma ora alla guida della nazionale spagnola, con un ingaggio anche pesante. In base agli accordi presi la scorsa estate il portiere sarebbe dovuto essere riscattato obbligatoriamente al raggiungimento di un determinato numero di presenze durante questa stagione, ma nonostante i venti gettoni accumulati (solo quindici in campionato) questa soglia minima non è stata raggiunta.

A questo punto però il Villarreal potrebbe avvalersi di un’altra soluzione, quella del diritto di riscatto fissato ad appena due milioni di euro, ma valevole entro il 15 giugno. Questa strada dovrebbe essere quella più percorribile: il Villarreal risolverebbe il problema del portiere nel giro di poche settimane, con l’esborso di una cifra modica e puntando su un giocatore che ha già testato e convinto. I possibili deterrenti sarebbero soltanto due. Innanzitutto l’età: difficilmente il Submarino amarillo tira fuori moneta liquida per un trentenne, ma in questo caso potrebbe chiudere un occhio, sia perché si tratta di un portiere e sia perché non sarà facile trovare un sostituto all’altezza senza sganciare un euro. E in seconda battuta l’ingaggio: nel momento in cui Andrés Fernández firmò per il Porto si legò fino al 2019 con uno stipendio netto quantificabile tra il milione e mezzo e i due milioni di euro, una cifra che nella Plana Baixa percepiscono in pochissimi. Il portiere si è già detto disposto ad abbassarsi il salario pur di restare al Sottomarino giallo, ma bisognerà trovare un accordo: il Villarreal sa che dopo questa stagione il titolare dovrebbe tornare ad essere Asenjo e legarsi ad Andrés Fernández con un contratto pluriennale a cifre molto alte sarebbe una pessima operazione.

About Mihai C. Vidroiu 424 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*