Marcelino: «Avrei accettato l’offerta dell’Inter»

Marcelino

Lunedì scorso l’ex-allenatore del Villarreal Marcelino García Toral è stato ospite della trasmissione “El Club” in onda sul canale beIN La Liga, del network televisivo BeIn Sports. Come molti portali d’informazione italiana, il tecnico asturiano ha confermato le indiscrezioni che lo volevano vicino all’Inter in seguito all’esonero di Frank de Boer, ma Marcelino si è pronunciato su diversi temi, legati soprattutto alla sua esperienza all’ombra del Madrigal. Questa, infatti, è stata la prima intervista ufficiale in seguito al suo addio di quest’estate, eccezion fatta per la conferenza stampa organizzata in seguito al polverone di polemiche alzato dal presidente Fernando Roig in settembre.

Riguardo alla separazione con il Villarreal il tecnico ha confermato quanto già si sapeva. «Quando vinci, vinci e vinci inizia a prodursi un logoramento progressivo. Ci sono state delle divergenze tra differenti figure della società e quelli che comandano hanno deciso fare a meno dell’allenatore. Il momento di questa separazione non è stato quello sperato, però c’è stato e bisogna accettarlo». Poi sul possibile approdo al Valencia, prima dell’ingaggio di Cesare Prandelli. «Il Valencia chiese formalmente alla Federcalcio spagnola se avrei potuto allenare o meno, però visto che il Villarreal mi aveva esonerato non avrei potuto allenare in Spagna durante questa stagione. Una volta avuta la conferma che non c’erano possibilità, non è stata avviata nessuna trattativa tra me e il club».

Poi è stata la volta dell’Inter. «Iniziare una nuova avventura all’estero a metà stagione è una decisione che va presa con calma, però se avessimo avuto la possibilità di andare all’Inter io e il mio staff ci saremmo andati perché avevamo capito che era un’opportunità che non avremmo potuto rifiutare. In questo periodo abbiamo avuto molte opzioni per allenare all’estero, però per un motivo o per l’altro abbiamo sempre rifiutato. È importante non affrettarsi perché dopo esser rimasti fermi dobbiamo prendere una decisione delicata». Ha infine detto la sua sulla situazione dello Sporting Gijón, la sua squadra del cuore. «Spero che siano in grado di invertire questa dinamica. In questo momento quello che chiederei a tutti è restare uniti, lavorare con costanza per cambiare le cose».

About Mihai C. Vidroiu 349 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*