Villarreal-Barcellona 1-1: Beffati al 90°!

Barcellona

Nella prima partita in quello che è stato rinominato l’Estadio de la Cerámica (nei prossimi giorni parleremo meglio della rimodellazione del Madrigal) il Villarreal ha disputato un grande incontro sfiorando tre importantissimi punti contro il Barcellona, in grado di pareggiare solo al novantesimo con una punizione di Messi. Purtroppo la maledizione contro i blaugrana si prolunga ancora: il Submarino amarillo non vince da diciassette scontri diretti, durante i quali ha raccolto appena cinque pareggi. L’astinenza sembrava essere finita, ma a quasi dieci anni dall’ultimo storico trionfo casalingo contro i catalani, ci ha pensato Messi a trasformare il sogno in incubo. Tra l’altro si tratta del primo gol da fuori area subito dal Villarreal in questa Liga, nonché del primo gol incassato da Asenjo su punizione nella sua carriera in gare di Primera División.

La squadra di Fran Escribá però si è dimostrata in grande forma: è continuamente attenta a chiudere ogni possibile pertugio, richiudendosi a riccio nella propria area quando gli ospiti impongono la loro supremazia territoriale. Ma fa di più. Se la manovra impostata è spesso inefficace, nelle ripartenze veloci il Sottomarino giallo riesce a uscire dal contro-pressing azulgrana giocando a due tocchi per poter poi sfruttare la verticalità delle due punte. Sicuramente il disimpegno palla a terra contro la pressione di una squadra del calibro del Barcellona è stata di grande audacia e soprattutto efficacia. L’esito è una gara molto interessante sotto tutti gli aspetti da quello tattico a quello tecnico, in cui il Villarreal corre pochi pericoli e mostra di potersela giocare ad armi pari contro i catalani.

Proprio su questo filo tattico è arrivato il vantaggio di Sansone a inizio ripresa: disimpegno rapido, aggressione della verticalità di Pato e spiraglio vincente. Di contro la manovra del Barcellona non è riuscita a scardinare la solida difesa amarilla nemmeno per tutto il secondo tempo. Anzi, non si ricordano nemmeno nitide opportunità concesse al tridente più forte del mondo, merito di meccanismo oliati e grande forza psicologica. Il pari degli ospiti è arrivato solamente su un calcio di punizione dal limite trasformato dall’immancabile Messi. Con questa fanno quindici gare consecutive di Liga senza vittoria contro il Barça (eguagliata la striscia registrata contro il Real Madrid tra il ‘98 e il 2006), ma da contraltare ci sono anche dati incoraggianti. Il Villarreal non andava a punti contro le due superpotenze spagnole in un girone d’andata dal 2004/05, e soprattutto a oggi è l’unica formazione di Spagna a essere uscita indenne nei confronti contro le tre grandi, Atlético Madrid compreso.

Tabellino:
Villarreal (4-4-2): Asenjo 7; Mario Gaspar 6,5, Musacchio 7 (87’ Álvaro González n.g.), Víctor Ruiz 7, Jaume Costa 6,5; Jonathan dos Santos 6,5, Bruno Soriano 7, Trigueros 6,5, R. Soriano 7 (83’ Rodri n.g.); Pato 6,5 (76’ Castillejo n.g.), Sansone 7. A disp.: Andrés Fernández, Rukavina, N’Diaye, Santos Borré. All. Fran Escribá.
Barcellona (4-3-3): ter Stegen; Sergi Roberto, Piqué, Mascherano, Digne (71’ Arda Turan); Busquets, André Gomes (68’ Denis Suárez), Iniesta; Neymar, Luis Suárez, Messi. A disp.: Masip, Umtiti, Jordi Alba, Rafinha, Paco Alcácer. All. Luis Enrique.
Gol: 50’ Sansone, 90’ Messi.
Arbitro: Ignacio Iglesias Villanueva. Ha ammonito Jaume Costa, Sergi Roberto, Sansone e Piqué; e ha espulso Jaume Costa per doppia ammonizione al 94’.

About Mihai C. Vidroiu 563 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*