Real Sociedad-Villarreal 3-1: Regali dai tre Re Magi

Non è stata una serata di beneficenza, ma i baschi hanno ringraziato lo stesso

Real Sociedad Berchiche Jonathan dos Santos

La Real Sociedad ha battuto uno spento Villarreal – e già di per sé fa notizia – più per demeriti avversari che per meriti propri. Durante l’incontro il Sottomarino giallo ha seminato il campo di regali in vista del 6 gennaio e i padroni di casa hanno saputo apprezzarli. Malissimo la difesa, Musacchio e Asenjo su tutti, e con questo netto tre a uno nell’andata degli ottavi di finale di Copa del Rey la qualificazione è già stata pregiudicata. Sicuramente il Submarino amarillo non ha mai avuto una gran sintonia con la coppa nazionale, ma quel che fa stizzire è l’atteggiamento di una formazione distratta nonostante a scendere in campo siano stati, grossomodo, i titolari. Le assenze di Ruiz e Bruno infatti (oltre al lungodegente Soldado e al convalescente Chéryshev) sono riconducibili a delle contusioni rimediata in allenamento.

Al rientro sul rettangolo verde dopo le festività natalizie il Villarreal non si è presentato nel migliore dei modi: quella di Fran Escribá è parsa una squadra ancora imballata. A dir la verità la Real Sociedad non ha fatto molto più dei loro avversari: è bastato il minimo indispensabile per mettere la partita in discesa. Il vantaggio di Willian José è arrivato poco dopo il quarto d’ora di gioco con i due centrali del Villarreal che si lasciano sfuggire la punta txuri-urdin alle loro spalle, ma il colmo è arrivato col raddoppio. Tra le due reti incassate il Sottomarino giallo era riuscito a dettare i ritmi di gioco in campo, ma alla prima disattenzione i baschi hanno purgato. José Ángel si è messo in luce col peggior rinvio che si sia visto su un campo di calcio, al resto ci hanno pensato Asenjo e Mario Gaspar che scontrandosi hanno permesso a Carlos Vela di appoggiare facilmente il pallone in porta.

Le cose non sono cambiate nella seconda parte, quando Escribá non ha saputo inventarsi nulla di rivoluzionario. I suoi giocatori non hanno saputo creare chiare occasioni da gol, lasciando al solo Trigueros la responsabilità di costruire l’azione, mentre Roberto Soriano è stato l’unico a tentare il tiro da fuori (le due punte, Pato e Sansone, si sono aggirate a debita distanza dalla porta avversaria e dal gioco amarillo). Così alla prima accelerazione Oyarzabal si è mangiato Musacchio e ha spianato la strada alla Real Sociedad. Per rianimare il Villarreal è servito un missile terra-aria di Trigueros che ha sorpreso tutti, compagni compresi, per vedere l’ultima timida reazione del Sottomarino giallo. Nel finale l’ultima chance di Musacchio si è spenta sul fondo: i quarti di finale sembrano già un’utopia.

Tabellino:
Real Sociedad (4-2-3-1): Rulli; Zaldua, Iñigo Martínez, Mikel González, Yuri Berchiche; Illarramendi, Zurutuza (82’ Granero); Vela (62’ Canales), Xabi Prieto, Oyarzabal; Willian José (76’ Juanmi). A disp.: Toño Ramírez, Elustondo, Héctor Hernández, Jon Bautista. All. Eusebio Sacristán.
Villarreal (4-4-2): Asenjo 4,5; Mario Gaspar 5, Álvaro González 5,5, Musacchio 4,5, José Ángel 5; Jonathan dos Santos 5 (76’ Castillejo n.g.), Rodri 5, Trigueros 7, R. Soriano 5,5; Pato 5 (82’ Santos Borré n.g.), Sansone 5. A disp.: Barbosa, Bonera, Jaume Costa, N’Diaye, Leo Suárez. Fran Escribá.
Gol: 17’ Willian José, 33’ Vela, 72’ Oyarzabal, 77’ Trigueros.
Arbitro: Carlos Clos Gómez. Ha ammonito Willian José, José Ángel, Granero e Castillejo.

About Mihai C. Vidroiu 490 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*