Jonathan dos Santos, 10-15 giorni di stop

Jonathan dos Santos

Giovedì scorso durante un allenamento con la nazionale messicana Jonathan dos Santos si è procurato un altro infortunio muscolare. Il bollettino medico parla di lesione di primo grado all’adduttore della gamba sinistra, tradotto in termini di prognosi significa uno stop di dieci-quindici giorni. Di certo non una buona notizia per Fran Escribá che nell’ultima partita di campionato contro l’Espanyol aveva deciso di riproporre il 4-2-3-1 solamente per far posto a Jonathan dos Santos, le cui prestazioni lo avevano convinto a rinunciare a una punta (in questo caso Alexandre Pato) pur di mandarlo in campo. Comunque l’ottimo momento di forma di Trigueros e Castillejo – probabilmente i due migliori di questo avvio di stagione – non dovrebbero far rimpiangere la sua presenza.

Tra l’altro il centrocampista messicano aveva già avuto problemi di natura muscolare a ridosso dell’inizio delle competizioni. Durante l’ultima amichevole pre-campionato contro il Leganés (partita nella quale si dovette fermare anche Jaume Costa per un guaio muscolare) si era procurato una lesione di secondo grado al retto femorale della gamba sinistra. Quell’infortunio lo costrinse a saltare le prime due giornate di Liga e soprattutto entrambe le sfide del preliminare di Champions League contro il Monaco, oltre a ritardarne lo stato di forma. Ma la buona notizia in casa Villarreal è che nessun altro nazionale è tornato con problemi fisici, nonostante siano stati ben otto i giocatori chiamati dalle rispettive selezioni (un numero alquanto alto nella Plana Baixa). Perciò Fran Escribá – ad oggi – potrà contare su tutta la rosa con la sola eccezione di Jonathan dos Santos e del lungodegente Roberto Soldado.

About Mihai C. Vidroiu 395 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*