Marcos Senna torna a casa

puerta Marcos Senna Madrigal

Marcos Senna, record-man del Villarreal, torna nuovamente in amarillo. Dopo essersi ritirato dal calcio giocato pochi mesi fa e, come ha sempre detto di voler fare, è tornato a far parte del club in veste dirigenziale. Il suo nuovo lavoro sarà presso il dipartimento delle relazioni istituzionali, in pratica rappresenterà diplomaticamente il club in giro per il mondo, un po’ quello che accadde con Luís Figo all’Inter. Il suo primo impegno sarà già domani, quando assisterà l’a.d. Fernando Roig Negueroles presso l’assemblea dell’ECA (European Club Association) a Parigi.

Inizialmente noto per essere il cugino dell’ex-centrocampista della Roma Marcos Assunção, nelle sue undici stagioni al Villarreal si è consacrato nel calcio europeo. Ma l’aneddoto più famoso è quello circa il suo acquisto. Nel 2002 José Manuel Llaneza, allora d.s. del Sottomarino giallo, si recò in Brasile per visionare Somalia, un attaccante del São Caetano, ma durante il match notò un altro giocatore, un centrocampista «che faceva salire la squadra, che faceva tutto bene ed era libero». Come raccontò lo stesso Llaneza, la sua attenzione si rivolse esclusivamente a quel regista: «Chiamai il presi (il presidente, Fernando Roig, ndr) e gli dissi: “ho visto il nuovo Mauro Silva!”».

Con il Submarino amarillo ha infranto tutti i primati di longevità: 363 presenze, di cui 259 nella Liga spagnola, 27 in Champions League, 24 tra Coppa Uefa ed Europa League, 4 in Intertoto, 16 in Copa del Rey e 33 in Segunda División. Tutti numeri ancora imbattuti, per quanto Bruno Soriano sembra destinato a scalzarne il trono. E poi la conquista della nazionale spagnola dopo il passaporto iberico ottenuto nel 2005, un Mondiale e un Europeo giocati da assoluto titolare nonostante la presenza di giocatori del calibro di Xavi, Iniesta, Fàbregas e Xabi Alonso, con il titolo europeo ad Austria e Svizzera 2008 vinto sul campo. E poi l’addio, anzi l’arrivederci dal Villarreal dopo la promozione in Primera del 2013, al termine della quale la società gli ha dedicato uno degli ingressi dello stadio, la puerta 19.

About Mihai C. Vidroiu 479 Articoli
Mi chiamo Mihai Vidroiu, ma per tutti sono semplicemente Michele, sono cresciuto a Roma, sponda giallorossa. Ho inoltre una passione smodata per il Villarreal, di cui credo di poter definirmi il maggior esperto in Italia. Ah, sono anche modesto a volte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*